giovedì 13 luglio 2017

Il Muro del Canto - Ginocchi Rossi


Da regazzini a scola dalle monache
Er grembiulino nero e sor Maria
Cor passo militare e l'aria perfida

Cor crocifisso ar collo, ar muro e dar bidello.

Er catechismo e a messa la domenica
C'avevo sonno e voja da giocà
Me immaginavo tutto tranne che 'n buon Dio
Che perdita de tempo, de gioia e gioventù.

Ma poi scappavo co' la bicicletta
Frenavo co' li piedi e annavo via
Bevevo alle fontane a garganella
Ero 'no zompafossi co' li ginocchi rossi.

E ancora ce ripenzo, ma faccio a modo mio
Co' tutta questa gioia che provo a respirà
E nun me sembra vero, che questa è n'artra età
Pure quann'è salita, so solo pedalà.

E me ne resto steso ar Sole, a ride e a raggionà
E me ne resto steso ar Sole, a beve e a bestemmià.

Le processioni tetre e incomprensibili
Le cantilene senza verità
Me immaginavo tutto tranne che 'n buon Dio
Che perdita de tempo, de sogni e gioventù.

Da regazzini a scola dalle monache
Le bacchettate, i ceci e i gloria sia
Er Paradiso è robba pe' chi merita
Chi nasce predisposto se fa la retta via.

Ma poi scappavo co' la bicicletta
Frenavo co' li piedi e annavo via
Bevevo a le fontane a garganella
Ero 'no zompafossi co' li ginocchi rossi.

E ancora ce ripenzo, ma faccio a modo mio
Co' tutta questa gioia che provo a respirà
E nun me sembra vero che questa è n'artra età
Pure quann'è salita, so solo pedalà.

E me ne resto steso ar Sole, a ride e a raggionà
E me ne resto steso ar Sole, a beve e a bestemmià.

E nun la mollo quella bicicletta
Sopra a 'ste rote c'è la vita mia
E me ce attacco a beve a garganella
Io so 'no zompafossi co' li ginocchi rossi.

mercoledì 12 luglio 2017

Il Muro del Canto - So morto pe sbajo



sò morto pè sbajo, pè n'errore del destino.

pè 'na svista, pè 'n abbajo.
non ero io che stasera ve doveva guardà dall'arto, da 'na nuvola de smog dentro a un cielo grigio amianto.
e ce lo so perché non c'ho avuto manco er tempo de capillo che passavo a miglior vita, volando via oltre il terminillo.
non m'hanno dato manco modo de salutà la gente cara.
m'hanno mannato in direttissima a riempì er voto de 'na bara.
sopra al libro de li morti ce stanno quelli prenotati: i malati, i condannati, tutti a imminente fine destinati.
ma poi capita che a vorte ce stanno pure spazi voti e ce n'filano li nomi de noi, poveri ignoti.
scerti in fretta, vincitori de n'infame lotteria che in un battito de ciglia dar monno tuo te spazza via.
fai un respiro e, manco er tempo de buttà l'aria de fori che 'na voce dal profondo te l'annuncia: adesso mori!
il dolore mio più grande di sparire così in fretta è che a casa c'è mì moje sur divano che m'aspetta.
se dirà: "ma com'è che tarda tanto e che non torna dritto a casa?
speramo che armeno se ricorda de passà a fà n'po' de spesa".
ma pè chi aspetta nun c'è scampo.
l'orologio va più lento, le lancette sò pesanti e ogni attimo è 'n tormento.
se quarcuno me capisce mentre strillo da 'sto cielo je chiedo solamente de esaudimme un desiderio.
cori dritto da mì moje, daje un bacio da parte mia, dije che se fosse stato pè me non me ne sarei mai annato via.

Il Muro del Canto - Strade da dimenticà

L'hai mai visto 'n toro fasse 'ndietro

L'hai mai visto 'n pugile annà ar tappeto
Sargono i secondi sur quadrato
Strilla chi ha scommesso, è disperato.
Chi sta in ginocchio nun vò sentì la predica
Vòle mezz'ora d'aria da respirà
Tanto 'sta giostra gira alla rinfusa
E più ce pensi e più nun sai che fà

E pure l'angeli crollano
Restano in mezzo a noi
Fra mille ladri senza dignità
Fra mille strade da dimenticà.
'hai portato a pranzo 'n a**assino
Venne co' li fiori, er dorce, er vino
Er nome nun lo volle dì a nessuno
Se n'annò de notte in mezzo ar grano.

Mo sta 'n galera e nun pò sentì la musica
Vole mezz'ora d'aria da respirà
Ce scrive ch'è innocente e ch'è sincero
E più ce pensi e più nun sai che fà.
E pure l'angeli crollano
Restano in mezzo a noi
Fra mille ladri senza dignità
Fra mille storie da dimenticà.

domenica 2 luglio 2017

"IL LAGO CHE COMBATTE" - Assalti frontali & Il Muro del Canto



Palazzinaro amaro sei un palazzinaro baro 

per tutto il male fatto a Roma adesso paghi caro 
al funerale del tuo centro commerciale 
è bellissimo vedere il nostro lago naturale
scava scava scava scava nella notte brava 
hai trovato l’acqua bulicante e 10.000 piante 
l’acqua con le bollicine che non ha mai fine 
scorre sotto le colline come queste rime
scava scava scava scava e non se l’aspettava 
un lago na-tu-ra-le d’acqua mi-ne-ra-le 
un miracolo… nella metropoli meravigliosa 
lì c’era una fabbrica di finta seta, la Viscosa
c’era il capitalismo, un’area gigantesca 
ci lavoravano le madri, i padri e a ogni scolaresca 
ognuno che pensava: “Morte tua vita mia!” 
poi ha fallito, hanno tramato ed è arrivato il lago della Snia
e a me viene da piangere per tutte le magagne 
per questo lago che non ha intorno le montagne 
non è il Turano o il lago di Bolsena 
ha intorno centomila macchine e ognuna dentro ha il suo problema
In mezzo ai mostri de cemento st’acqua mò riflette er cielo 
È la natura che combatte, e sto quartiere è meno nero 
In mezzo ai mostri de cemento il lago è ‘n sogno che s’avvera 
È la natura che resiste, stanotte Roma è meno nera
bella Toripgna, bella Tor-pigna-ttara 
borgata dove il razzista ha la sua bara 
amiamo anche Prenestino Labicano 
se sei con noi adesso alza la tua mano
qui l’aria è più dolce da quando è nato il lago 
è non è spuntato dal cappello di un mago 
è il nostro lago, uscito da sottoterra 
e s’è alzata una guerra nella zona della Marannella
dietro il cancello chiuso c’era un abuso 
avevano cambiato la destinazione d’uso 
scava scava scava nella notte calda 
prendono la falda e in alto la mia banda!
Tutto il quartiere va al cancello per aprire un varco: 
“Basta con il cancro! Noi vogliamo il parco!” 
“Aprite quest’ingresso sta nascendo un lago!” 
Ma il costruttore zitto, lui faceva il vago
succhiava con l’idrovora, succhiava l’acqua 
e la buttava nelle fogne andasse tutto in vacca 
poi è arrivato un acquazzone e non è un segreto 
s’è rotto il collettore e s’è riempito di merda il Pigneto
da allora il lago ha vinto, si è stabilizzato 
ed è il lago è di tutti, non è un lago privato 
ha invaso il cemento armato e ci ha chiesto aiuto 
noi lo abbiamo immaginato, amato e conosciuto
In mezzo ai mostri de cemento st’acqua mò riflette er cielo 
È la natura che combatte, e sto quartiere è meno nero 
In mezzo ai mostri de cemento il lago è ‘n sogno che s’avvera 
È la natura che resiste, stanotte Roma è meno nera
E da tutte le finestre di Largo Preneste 
hanno visto questa scena sotto il cielo celeste 
l’acqua che esce e rigenera l’umanità 
e il sindaco che fa? qui c’è la felicità!
di superficie: 10.000 metri quadri 
ma attenti! sono tornati i ladri! gli stessi dei padri 
dei nonni, quelli che cambiano i panni 
e vogliono rubarci il lago da più di dieci anni
“Esproprio! Esproprio!” per il nostro polmone 
E qui ci siamo tutti “Daje casalbertone!” 
noi abbiamo questo passo, lottiamo dal basso 
e quale bando? qui ognuno da la vita senza niente in cambio
tutti alla riva dell’acqua sorgiva 
che sale in superficie e fa Roma più bella e viva 
l’underground ci da buoni amici 
la natura si ribella e a noi ci fa felici
c’è il cormorano con noi, c’è il martin pescatore 
sta proprio dietro la stazione e porta maggiore 
e piano, piano è nato già un nuovo ecosistema 
c’è un bambino che nell’acqua va in canoa e rema
In mezzo ai mostri de cemento st’acqua mò riflette er cielo 
È la natura che combatte, e sto quartiere è meno nero 
In mezzo ai mostri de cemento il lago è ‘n sogno che s’avvera 
È la natura che resiste, stanotte Roma è meno nera

giovedì 23 marzo 2017

Amici del ento N A R



Sole dietro le sbarre, atmosfere contratte

Un futuro negato, fu uno sbaglio passato?
Mani sporche di sangue, troppo vite spezzate
Da quell'odio cercato, chi ci avrà guadagnato?

E fu una rabbia diventata violenza, fu troppa coerenza
Chi semina piombo raccoglie dolore, fu troppo furore o troppa lealtà
È stato uno sbaglio e si pagherà, ma un cuore pulito non si scorderà!

Come posso elogiare? Io non so giudicare
Quali sono gli errori: è soltanto sparare?
Fu un amore deviato, un coraggio sbagliato
E per quell'innocente che è stato ammazzato?

Ma la vostra rabbia è uguale alla mia in questa democrazia
Se vedo le facce degli uomini illustri provo solo disgusti e nessuna pietà
E sono impotente in questa realtà, ma un mondo sbagliato chi lo cambierà?

Ma cosa è giusto? Cosa è sbagliato quando il diritto è calpestato?
Se non giustifico la violenza, mi sento attratto dalla coerenza!
In questo mondo di ipocrisia, di false regole e di moralismi!
Mi viene voglia di abbracciare chi ha il coraggio di sbagliare!

Una pena infinita per chi ha bruciato la vita
Per chi non ha rinnegato il suo sogno deviato
Illusioni perdute, non si cambia davvero
È già molto tenere il proprio cuore sincero!

Ma la vostra rabbia è uguale alla mia in questa democrazia
Se vedo le facce degli uomini illustri provo solo disgusti e nessuna pietà
E sono impotente in questa realtà, ma un mondo sbagliato chi lo cambierà?

Ma cosa è giusto? Cosa è sbagliato quando il diritto è calpestato?
Se non giustifico la violenza, mi sento attratto dalla coerenza!
In questo mondo di ipocrisia, di false regole e di moralismi!
Mi viene voglia di abbracciare chi ha il coraggio di sbagliare!

Buio oltre le sbarre, atmosfera irreale
Resta solo il silenzio, in silenzio guardare!

Amici del Vento - NAR

c

Sole dietro le sbarre, atmosfere contratte 
un futuro negato fu uno sbaglio passato? 
Mani sporche di sangue molte vite spezzate 
da quell'odio cercato chi ci avrà guadagnato? 
E fu una rabbia diventata violenza, fu troppa coerenza 
Chi semina piombo raccoglie dolore, 
fu troppo furore o troppa lealtà 
È stato uno sbaglio e si pagherà 
ma un cuore pulito non si scorderà 
Come posso elogiare? Io non so giudicare 
quali sono gli errori: è soltanto sparare? 
Fu un amore deviato, un coraggio sbagliato 
e per quell'innocente che è stato ammazzato? 
Ma la vostra rabbia è uguale alla mia in questa democrazia 
se vedo le facce degli uomini illustri 
provo solo disgusti e nessuna pietà 
e sono impotente in questa realtà, 
Ma un mondo sbagliato chi lo cambierà?
Ma cosa è giusto cosa è sbagliato quando il diritto è calpestato 
Se non giustifico la violenza, mi sento attratto dalla coerenza 
In questo mondo di ipocrisia, di false regole e di moralismi 
Mi viene voglia di abbracciare chi ha il coraggio di sbagliare 
Una pena infinita per chi ha bruciato la vita, 
per chi non ha rinnegato il suo sogno deviato 
Illusioni perdute non si cambia davvero 
è già molto tenere il proprio cuore sincero 
Ma la vostra rabbia è uguale alla mia in questa democrazia 
se vedo le facce degli uomini illustri 
provo solo disgusti e nessuna pietà 
e sono impotente in questa realtà 
Ma un mondo sbagliato chi lo cambierà? 
Ma cosa è giusto cosa è sbagliato quando il diritto è calpestato 
Se non giustifico la violenza, mi sento attratto dalla coerenza 
In questo mondo di ipocrisia, di false regole e di moralismi 
Mi viene voglia di abbracciare chi ha il coraggio di sbagliare 
Buio oltre le sbarre atmosfera irreale 
resta solo il silenzio, in silenzio guardare...

domenica 12 febbraio 2017

Hobbit Figlio di un'altra stella Canzone dedicata a Luigi Ciavardini

ALBUM: Rock Per La Verità
E le dita di una mano che si appoggiano su un muro
Freddo come i loro occhi e le mille e più domande,
Le risposte a muso duro sulle favole di troppi

Quante volte per vedere il sole sorgere nel cielo
Ti restava solo un'ora, quante volte avrai pensato
A chi nel caldo di una casa aspetta l'ora della cena

E ti vedi ragazzino con due baffi già da uomo
E gli occhiali scuri a goccia, mentre c'è chi sta guardando
Da diverse prospettive sulla foto la tua faccia

E il ricordo di un fratello che è partito troppo in fretta
Brucia ancora dentro al cuore e ad armare la tua mano
Fu quel senso di vendetta, forse anche troppo amore

E rinchiusa nel silenzio, vivi la tua gioventù!
È linfamia di un'accusa che non riesci a mandar giù

Figlio di unalta stella!
Di un cielo senza luna!
Sempre con il cuore in gola che non sa cosè paura!

Figlio di unalta stella!
Di un cielo senza luna!
Anche Roma si voltava e nel buio ti lasciava!

Cosa resta di quegli anni, dei ritagli di giornale, dalle pagine ingiallite
E una vita che hai vissuto e ti porti sulla pelle come quella cicatrice

DDT Il Mio Fascismo

«

Molto tempo fa pensavamo che il fascismo fosse una poesia, la poesia stessa del Ventesimo secolo, e mi dico che ciò non può morire!»


Il mio fascismo non è quello borghese, non è ordine e pulizia
Il mio fascismo non è l'imperialismo in Libia o in Etiopia o in Albania
Il mio fascismo non è treni in orario, certo che è meglio se arrivano puntuale,
Ma lo sai ci vuole ben altro per costruire un vero ideale?

Il mio fascismo è quello del '19 che poi ritorna nel '43
Con la Repubblica Sociale, contro gli inglesi e contro il re
Contro i russi e gli americani per un'Europa senza padroni
Per un'Europa realmente libera, per un'Europa della nazioni!

Il mio fascismo è di chi vuol lottare contro i potenti e gli sfruttatori!
E contro i soliti benpensanti che stanno sempre coi vincitori!
Il mio fascismo è di chi vuol lottare per un futuro di libertà!
Contro la noia del nostro tempo per una nuova società!

Il mio fascismo non è certo quello di chi voleva un golpe militare
Né quello degli accordi sottobanco per aiutare chi vuol governare
Il mio fascismo non è certo quello della stazione di Bologna
Che poi la bomba chissà chi l'ha messa? Non certo chi oggi paga con la gogna!

Il mio fascismo è quello di pochi giovani che hanno lottato contro il mondo intero
Che sono morti a via Ăcca Lārentĭa e che hanno amato un vessillo nero
Con in mezzo una croce bianca, ma una croce particolare
Che mi basta vederla su un muro per cominciare subito a sognare
A sognare di un "Campo hobbit" con un concerto della Compagnia Dell'Anello
Con una strana manifestazione di chi cercava la terza via!

Il mio fascismo è di chi vuole lottare contro i potenti e gli sfruttatori!
E contro i soliti benpensanti che stanno sempre coi vincitori!
Il mio fascismo è di chi vuol lottare per un futuro di libertà!
Contro la noia del nostro tempo per una nuova società

giovedì 26 gennaio 2017

ULTIMA FRONTIERA A TUTTI GLI SKIN HENDS

INTOLLERANZA PUTTANA



Intolleranza - Puttana

Puttana!

Sei sempre la più bella, sei sempre raffinata
Con lo scemo con la jeep te ne sei andata
Passi la giornata in cerca del vestito
Che ti darà stasera un successo garantito!

Oh! Oh! Oh! Puttana!
Oh! Oh! Oh! Puttana!

Camicetta scollata, cammini sculettando
Ed io mi chiedo sempre: «Che cazzo vai cercando?»
Prima di uscire un'ora stai allo specchio
Ti ho vista ieri sera in compagnia di un vecchio!

Oh! Oh! Oh! Puttana!
Oh! Oh! Oh! Puttana!

Quel che non sopporto è tutta quella gente
Che ti vien dietro, non ha capito niente
Vorresti esser donna, questa è la cosa strana,
Ma tu resterai sempre e soltanto una puttana!

Oh! Oh! Oh! Puttana!
Oh! Oh! Oh! Puttana!

Oh! Oh! Oh! Puttana!
Oh! Oh! Oh! Puttana!

giovedì 19 gennaio 2017

Hobbit - Figlio Di Un' Altra Stella





E le dita di una mano che si appoggiano su un muro freddo come i loro occhi

E le mille e più domande, le risposte a muso duro sulle favole di troppi
Quante volte per vedere il sole sorgere nel cielo ti restava solo un'ora
Quante volte avrai pensato a chi nel caldo di una casa aspetta l'ora della cena?

E ti vedi ragazzino con due baffi già da uomo e gli occhiali scuri a goccia
Mentre c'è chi sta guardando da diverse prospettive sulla foto la tua faccia
E il ricordo di un fratello che è partito troppo in fretta brucia ancora dentro al cuore
E ad armare la tua mano fu quel senso di vendetta, forse anche troppo amore!

È rinchiusa nel silenzio, vivi la tua gioventù
È l'infamia di un'accusa che non riesci a mandar giù!

Figlio di un'alta stella, di un cielo senza luna!
Sempre con il cuore in gola che non sa cos'è paura!
Figlio di un'alta stella, di un cielo senza luna!
Anche Roma si voltava e nel buio ti lasciava!

Cosa resta di quegli anni, dei ritagli di giornale dalle pagine ingiallite
E una vita che hai vissuto e ti porti sulla pelle come quella cicatrice!

lettera ad un ragazzo della classe '80 amici del vento



Amici Del Vento - Lettera ad un ragazzo della classe '80

Caro ragazzo del tempo che viene
com'è difficile affrontare il domani
senza bandiere senza frontiere
senza una ragione per la quale morire
prenditi un popolo a cui appartenere
non solo una curva dalla quale gridare
una divisa una croce un'idea
il futuro è più grande di un campionato
prenditi un sogno con rabbia e poesia
che non sia sballo da discoteca
insegui il brivido senza pazzia
che non sia una fuga a 200 all'ora
ma non ti buttare via, non ti buttare via,
non ti buttare via, non ti buttare via...

prenditi un ideale ma con lealtà
con coraggio orgoglio e fedeltà
poche parole di cui essere fiero
ed un esempio per il tuo pensiero
prenditi un mito su cui costruire
ed un amico con il quale parlare
un padre, un maestro che ti inssegni la via
una sfida in salita su cui camminare
trova un nemico contro cui lottare
basta coi sorrisi pieni di rancore
bisogna combattere senza odiare
per dimostrare quanto vale il cuore
e non ti buttare via, non ti buttare via,
non ti buttare via, no non ti buttare via...

prenditi un futuro in cui sperare
senza pensioni da ripagare
trova un lavoro per il tuo domani
da costruire con le tue mani
e tieni la rotta verso l'avventura
non farti vincere dalla paura
fai i tuoi sbagli quando sei sicuro
ma mantieni sempre il tuo cuore puro
e tieni in alto la tua gioventù
che compromessi non ne vuole più
e stendi al sole la tua bandiera
che abbia il segno di un'idea vera
e non ti buttare via, non ti buttare via
non ti buttare via, non ti buttare via...

Amici del Vento - "Concerto per Carlo 2013"





Se mille son le storie che il vento porta via

questa è la nostra storia
generazione mia.
Venuti dall'inferno col fuoco nelle vene
innalzeremo al cielo le nostre catene
e torneremo Europa, lo promettiamo a te
Europa torneremo uniti per te.
Svegliatevi fratelli, su non dormite più
giocatevi oggi stesso la vostra gioventù
se la maledizione ce la portiamo addosso
la brucieremo insieme col primo straccio rosso
e torneremo Europa, lo promettiamo a te
Europa torneremo uniti per te.
Se scioglieranno il nodo che oggi ci tiene uniti
andremo in altri posti a costruire i nidi
ci brucieran le case ma che importanza ha?
a casa dei fratelli del posto ci sarà
e torneremo Europa, lo promettiamo a te
Europa torneremo uniti per te.
Han fatto leggi e imbrogli
per chiuderci la bocca
dei nostri nomi il muro del carcere ribocca
ma mille volte mille il canto si udirà
di chi stasera canta la sua libertà
e torneremo Europa, lo promettiamo a te
Europa torneremo uniti per te.
E mille braccia alzate
il mondo rivedrà
dentro alla mia bandiera una Croce brucierà
e tremeranno ancora i farisei di sempre
e i loro soldi allora non serviranno a niente
e torneremo Europa, lo promettiamo a te
Europa torneremo uniti per te.
E chi oggi fa il padrone
domani striscerà
lo troveremo allora
a chiederci pietà
e chi oggi ci disprezza
domani tornerà
vigliacco come sempre da noi con umiltà
e torneremo Europa, lo promettiamo a te
Europa torneremo uniti per te.
Su questa nostra terra un vento soffierà
e noi semineremo la nostra libertà
lontano spazzerà i figli del tradimento
ma noi saremo in piedi, siamo AMICI DEL VENTO!

Dario Bressan: Trama nera - "Concerto per Carlo 2013"



Trama nera

Trama nera, trama nera sol con te si fa carriera!
Trama nera, trama nera tu dai la felicità.
Se vuoi tu migliorar la posizione ed aumentare il minimo della pensione
fai subito domanda di assunzione in uno dei canali della tele -informazione.
Ed ogni sera tu alle otto e trenta, la lacrima sul ciglio, la voce spenta,
racconta che a Milano è mancata la luce perché uno sconosciuto ha gridato "Viva il Duce!"

ZPM UNA VOCE CONTRO VENTO LO STRACCIVENDOLO





Aprite la finestra, io passo per la via,

col campanello in mano
e il cilindro sulla testa,
spingo un carretto che non pesa niente,
vendo sottocosto i desideri della gente.
Venite, comprate, comprate qui da me,
dei venditori ambulanti io sono il re.

Vendo le parole a chi vuole ascoltare,
vendo occhi nuovi a chi vuole guardare,
vendo ali bianche a chi vuole volare,
vendo la gioia, su venitela a comprare.

Vendo la giustizia, vendo l?illusione,
vendo la speranza di un avvenire migliore,
vendo anche il tempo, vendo le stagioni,
vendo la saggezza agli stupidi ed ai coglioni.

Venite, comprate, comprate qui da me,
dei venditori ambulanti io sono il re.

E vendo anche il coraggio a chi se la fa sotto,
venite troverete tutto sopra il mio carretto,
vendo ciò che serve ai vostri bisogni,
vendo le utopie, le speranze e i sogni,

vendo la giustizia, vendo l?illusione,
vendo la speranza di un avvenire migliore,
vendo anche il tempo, vendo le stagioni,
vendo la saggezza agli stupidi ed ai coglioni.

Venite, comprate, comprate qui da me,
dei venditori ambulanti io sono il re.

E chi compra s?illude di non pagare niente,
domani in cambio avrò la vostra mente,
venite io vendo la felicità,
il prezzo e solamente la vostra libertà.

Dei venditori ambulanti io sono il re.
Categoria
Musica

Avanti Ragazzi di Buda





Avanti ragazzi di Buda, avanti ragazzi di Pest

studenti braccianti operai, il sole non sorge più ad est
Abbiamo aspettato una notte, la notte dei cento e più mesi
quell'alba radiosa di ottobre, quell'alba dei giovani ungheresi
Ricordo tu avevi un moschetto, su portalo in piazza ti aspetto
nascosta fra i libri di scuola, anch'io porterò una pistola
Sei giorni e sei notti di gloria durò questa nostra vittoria
e al settimo sono arrivati i russi con i carri armati.
I carri ci spezzan le ossa, nessuno ci viene in aiuto
il mondo è rimasto a guardare sull'orlo della fossa seduto.
Ragazza non dire a mia madre che io morirò questa sera
ma dille che vado in montagna e che tornerò a primavera
Compagno il plotone già avanza, già cadono il primo e il secondo
finita è la nostra baldanza, sepolto l'onore del mondo
Camerata riponi il fucile torneranno a cantare le fonti
e allora serrate le file che noi scenderemo dai monti
Avanti ragazzi di Buda, avanti ragazzi di Pest
studenti braccianti operai, il sole non sorge più ad est.

mercoledì 18 gennaio 2017

Egidia aurea La mia piccola guerra


Una lama di luce taglia l’oscurità 
Con l’aurora più forte il dolore si fa 
Tu continui a dormire senza sapere che 
Da due ore la guerra è già dentro di me 
Io trattengo il respiro che vuol correre 
E mi impegno per restare immobile 
Poi concentro ogni sforzo per uccidere 
Quest’angoscia prima che lei prenda anche te 
Porterò com me le tue parole 
Pochi stracci e queste pistole 
Forse non son fatto per l’amore 
Chiunque nasca lupo non può volare 
Se alla piccola guerra sopravviverò 
Con i miei spettri interni più forte sarò 
Forse i pesi di lotta e clandestinità 
Leniranno di un poco la mia ansietà 
Sto chiudendo la porta alle truci entità 
Ma non c’è ostracismo che regger potrà 
Io ripreso d’assedio al più presto sarò 
E ai reprobi tiranni il tributo dovrò 
Porterò com me le tue parole 
Pochi stracci e queste pistole 
Forse non son fatto per l’amore 
Chiunque nasca lupo non può volare 
Ho raccolto lo zaino e lasciate di qua 
Poche righe le ultime mie volontà 
Del mio nome sussurri le sillabe ed 
Esco da questa porta senza rispondere 
Porterò com me le tue parole 
Pochi stracci e queste pistole 
Forse non son fatto per l’amore 
Chiunque nasca lupo non può volare 
Lascerò per te le sue parole 
Farò in modo che tu possa capire 
La via del dominio spirituale 
Non è scollegata dall’agire

venerdì 23 dicembre 2016

Lando Fiorini Forza Roma, Forza Lupi

semo romani ma romanisti de più semo orgogliosi
tifamo solo per te se vinci o perdi nun cambia niente perché semo sportivi ma vinci e meglio sarà forza roma forza lupi questa è l'ora de mostrar quanto valemo forza lupi forza roma quando entramo en campo er core ce se nfoca non c'avemo er core grosso mezzo giallo e mezzo rosso er tifoso romanista de tifosi è sempre er più lo stadio è pieno la curva sud è pe' noi coraggio lupi noi semo tutti co' voi bandiera ar vento le trombe che squilleno già sei troppo forte nessuno te po' superà forza roma forza lupi questa è l'ora de mostrar quanto valemo forza lupi forza roma quando entramo en campo er core ce se nfoca non c'avemo er core grosso mezzo giallo e mezzo rosso er tifoso romanista de tifosi è sempre er più forza roma forza lupi questa è l'ora de mostrar quanto valemo forza lupi forza roma quando entramo en campo er core ce se nfoca non cavemo er core grosso mezzo giallo e mezzo rosso er tifoso romanista
de tifosi è sempre er più

lunedì 19 dicembre 2016

Rammstein Mutter

Mutter – Madre
Die Tränen greiser Kinderschar
ich zieh sie auf ein weißes Haar
werf in die Luft die nasse Kette
und wünsch mir, dass ich eine Mutter hätte
Keine Sonne die mir scheint
keine Brust hat Milch geweint
in meiner Kehle steckt ein Schlauch
Hab keinen Nabel auf dem Bauch

Mutter

Ich durfte keine Nippel lecken
und keine Falte zum Verstecken
niemand gab mir einen Namen
gezeugt in Hast und ohne Samen

Der Mutter die mich nie geboren
hab ich heute Nacht geschworen
ich werd ihr eine Krankheit schenken
und sie danach im Fluss versenken

Mutter

In ihren Lungen wohnt ein Aal
auf meiner Stirn ein Muttermal
entferne es mit Messers Kuss
auch wenn ich daran sterben muss

Mutter

In ihren Lungen wohnt ein Aal
auf meiner Stirn ein Muttermal
entferne es mit Messers Kuss
auch wenn ich verbluten muss

Mutter
oh gib mir Kraft

giovedì 15 dicembre 2016

SCIRE' - ANTICA TRADIZIONE

Con il principe sul ponte nero acciaio solchi il mare di un inverno ...da ricordare
poche stelle nella notte i tuoi guerrieri dan la vita in una guerra....mai finita
il coraggio dei maiali tra i coralli rosso sangue e le navi nemiche ovunque
sei uomini una storia tra la sfinge e la regina e la gloria di una mattina
sei partito dalla baia nella notte senza luce 
per l'impresa leggendaria raccontata …a bassa voce
Scirè… rosa rossa di Roma Scirè… spina nera di Albione
Scirè… tomba scura nel mare Scirè… pronto a un 'altra missione
10 agosto maledetto dentro al porto senza onore si e' fermato....il tuo cuore
rosse aquile nel cielo con le ali grigio scuro e le mani … sul futuro
mille angeli nel mare per tagliare le catene che ci legano …al mondo infame
30 metri sotto l'acqua il sepolcro degli eroi che combattono per noi
han provato a cancellare i ricordi di una vita 
con le bombe intelligenti e che Dio … li maledica
Scirè… rosa rossa di roma Scirè… spina nera di Albione
Scirè… tomba scura nel mare Scirè… pronto a un 'altra missione